Storie di networking: i tecnici di rete raccontano le loro esperienze

29/05/2018

Allievi ed ex allievi di Europa Networking, specializzata in formazione e aggiornamento per tecnici e futuri tecnici di reti informatiche (sistemisti), hanno accettato l’invito a condividere le loro “avventure di networking” pubblicando le loro esperienze nello spazio “Hall of Fame” di Europa Networking.

La sezione Hall of Fame di Europa Networking raccoglie le esperienze di allievi ed ex allievi che hanno seguito con profitto i percorsi di formazione Cisco destinati ai tecnici e futuri tecnici di reti informatiche.

 

Per molti di loro, la decisione di seguire il percorso formativo presso Europa Networking rappresenta una scelta di vita, non solo professionale: trovare il loro primo spazio nel settore lavorativo delle reti informatiche costituisce spesso un punto di arrivo e il coronamento di un sogno, e allo stesso tempo un nuovo inizio, per un futuro di ulteriore crescita professionale (“Nella vita ho sempre cercato di realizzare i miei sogni” scrive Vincenzo, ingegnere e tecnico CCNP, “Adesso vedo nel mio futuro, non molto lontano, il giorno in cui attraverserò l'oceano per andare a sostenere il mio primo CCIE R&S a San José”; “Spero di poter (…) continuare il mio percorso di certificazione al più presto", ci racconta Alessia, laureata in Informatica e nuova CCNA ; “Subito dopo aver finito il corso CCNA ho trovato il mio primo lavoro in ambito IT in una delle più importanti società di Networking. Grazie al percorso intrapreso, mi sono sentito più preparato al mondo lavorativo che mi stava aspettando” scrive Giuseppe laureto in Ingegneria delle TLC. Invece Roberta ci racconta che “Il mondo del "networking" non è solo "roba da maschi". Sì, perchè noi donne ci mettiamo sempre incredibilmente da parte, quando si tratta di entrare in determinati universi, che consideriamo estranei al nostro modo di essere e di pensare.”

Gli esempi sono molto diversificati ma tutti mostrano come sia possibile trovare la propria personale soluzione a situazioni di vita e di lavoro in alcuni casi anche difficili: Bapi, dall’India all’Italia, vendeva rose ai semafori, ora è tecnico di rete certificato CCNP (Bapi: “At present I am proud of my job as a Network Engineer in a telecommunication company in Milan.(…) Next time you come across a flower-seller or a dish-washer, don’t take him lightly.  He could be a future engineer who could fix your networking problems.”).

Christian, da portiere d’albergo, oggi è un tecnico al più alto livello: “Il networking, quando ho iniziato il corso CCNA, era per me una scienza totalmente sconosciuta (…) Adesso la definirei piuttosto un’Arte” (Christian, Da 0 a CCIE RS Written). Alcuni allievi decidono di iscriversi ai corsi per far fronte a una crisi lavorativa, trasformando un momento critico in un’opportunità di cambiamento per il meglio e diventando in breve tempo tecnici professionisti (“Finalmente la mia grande opportunità, quella di poter lavorare come consulente presso un’azienda di grande distribuzione. Una rete completa di router, switch e access-point, quattromila apparati… non ci credevo”, scrive Massimiliano.)

Altri allievi – di ogni età e formazione - decidono di rinunciare a un posto sicuro e rimettersi di nuovo in gioco per una carriera nel networking all’estero: “Lavorare all'estero con apparati che un anno prima potevo solamente sognare di vedere (figuriamoci di configurare)” (Alberto - Repubblica Ceca ); “Ora posso finalmente confermare che lavorare all'estero in mezzo a gente che parla lingue diverse è il massimo!“ (Paolo- Belgio); “A chi mi chiedeva se il CCIE era “l’ultimo esame” ho sempre risposto “è il primo di quelli difficili”…(Marco - Irlanda) ; “dalla CCNA alla CCNP il passo è breve.”  (Nicola – Svezia).

La storia degli allievi Europa Networking